Serve un uomo solo per la spending review?

Uno studio di tre economisti italiani, Oriana Bandiera, Andrea Prat e Tommaso Valletti ha dimostrato che è possibile ridurre la spesa del 2% circa del PIL, 30 miliardi di euro, senza ridurre la qualità dell’azione pubblica e senza ridurre l’occupazione nelle aziende che vendono alla Pubblica Amministrazione.

Un obiettivo condiviso da molti paesi nel mondo, i quali da anni hanno costruito un sistema efficiente per applicare la spending review. In gran Bretagna, ad esempio, è stata costituita un’autorità garante indipendente con obiettivi quinquennali. In Italia, invece, si è deciso di seguire un’altra strada, quella cioè del commissario straordinario.

Pensare che si possano razionalizzare le procedure di spesa e controllare migliaia di voci solo con un commissario, è una pura e semplice utopia. O, peggio, l’ennesima presa in giro. Non dimentichiamoci che un commissario già esisteva (Enrico Bondi) ed ha fallito.

Ma a mio avviso i politici non hanno veramente intenzione di ridurre gli sprechi e riorganizzare l’inefficiente pubblica amministrazione perché è grazie a queste inefficienze che riescono a mantenere il consenso.

Tagliare la spesa è politicamente svantaggioso, soprattutto per un governo che si regge a un filo sottilissimo e a causa di una generalizzata paralisi manca anche di quell’autorevolezza necessaria per eliminare sprechi e privilegi. Infatti, nonostante il paese sia in ginocchio questa classe politica continua ad aumentare i propri emolumenti, sostenendo magari di fare il contrario.

Non è un caso che si mandino tecnici allo sbaraglio per fare le spending review.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...