Sui decreti attuativi si gioca il futuro politico del Governo

++ Renzi e ministri giurano, governo in pienezza poteri ++Si aggrava sempre di più il ritardo con cui la Pubblica Amministrazione emana i decreti necessari per dare attuazione alle leggi approvate dal Parlamento.

Secondo gli esperti de Il Sole 24 Ore in due mesi “si è passati da 500 a 511 provvedimenti ancora da mettere a punto”. 428 (177 scaduti) sono ereditati dagli Esecutivi precedenti mentre 83  riguardano gli ultimi tre decreti legge convertiti”.

Il Premier Matteo Renzi,  consapevole dei ritardi («È una questione molto seria. Ne parliamo giovedì in Consiglio dei ministri. Così non va bene») e dei rischi che corre,  annuncia che il Consiglio dei Ministri di domani affronterà la delicata questione.

Oltre all’ipotesi di far ripresentare in Parlamento la norma, cassata dal Quirinale nel decreto 90, che prevede la possibilità per Palazzo Chigi di avocare a sé i provvedimenti attuativi nel caso i cui i ministeri compententi si dimostrassero inadempienti, Renzi sta pensando di costituire un’unità di missione, alle sue dirette dipendenze, che si occupi di monitorare e, nel caso sollecitare, l’iter dei decreti attuativi arretrati.

Su questa partita si gioca il futuro politico di Matteo Renzi .

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...