Sistemi elettorali alle prossime regionali

index

Pubblichiamo una sintesi dei sistemi elettorali in vigore per le prossime elezioni regionali.

CAMPANIA

    • consiglieri da eleggere: 51
    • listino: no
    • quote di genere liste : 1/3 – 2/3
    • Espressione voto: 2 preferenze con alternanza di genere – voto disgiunto
    • Sistema elettorale: proporzionale con premio di maggioranza, che garantisce alle liste che sostengono il presidente il sessanta per cento dei 50 membri del Consiglio regionale (ai quali si aggiunge il governatore). In ogni caso la maggioranza non può avere più del 65% dei seggi. Nelle file dell’opposizione anche il primo dei candidati presidenti non eletti.

LIGURIA

  • consiglieri da eleggere: 31
  • listino: si
  • quote di genere liste : non previste
  • Espressione voto: 1 preferenza – voto disgiunto
  • Sistema elettorale: il Consiglio regionale non è ancora riuscito ad approvare un proprio sistema di voto, perciò si andrà alle urne con il ‘Tatarellum’. L’80% dei seggi viene assegnato su base proporzionale ripartiti tra liste provinciali, mentre il restante 20% con il cosiddetto listino bloccato collegato al candidato presidente, in modo da garantirgli la maggioranza in Consiglio. Se la coalizione raggiunge o supera il 50% dei rappresentanti già con le liste provinciali, dal listino verranno eletti soltanto 3 consiglieri, cioè il 10% dell’assemblea, composta da trenta consiglieri più il presidente della Giunta. Sbarramento al 3% per le liste provinciali a meno che non siano collegate ad una lista regionale che abbia superato il 5%.

MARCHE

  • consiglieri da eleggere: 31
  • listino: no
  • quote di genere liste: 1/3 – 2/3
  • Espressione voto: 1 preferenza – no voto disgiunto
  • Sistema elettorale: Alla coalizione vincente vanno comunque 18 seggi se ha raggiunto il 40%; 17 se ha superato il 37%; 16 se ha superato il 34%. Sbarramento al 5% per la coalizione, derogabile se almeno un gruppo di liste che ne fa parte abbia superato il 3%. Entra in Consiglio il candidato presidente collegato alla coalizione arrivata seconda.

PUGLIA

  • consiglieri da eleggere: 50
  • Listino: no
  • quote di genere liste: 40% – 60%
  • Espressione voto: 1 preferenza – voto disgiunto
  • Sistema elettorale: elezione diretta del presidente della Regione, che fa parte del Consiglio regionale in aggiunta ai 50 membri, tra i quali il primo dei non eletti tra i candidati governatore. Doppio sbarramento per coalizione, 8%, e per i gruppi di liste che ne fanno parte, che accedono alla ripartizione dei seggi se giungono al 4%. Premio di maggioranza che garantisce 29 consiglieri se si raggiunge il 40% dei voti; 28 nel caso il range della percentuale sia tra il 35% e il 40%; 27 se si rimane al di sotto del 35%.

TOSCANA

  • consiglieri da eleggere: 41
  • Listino: possibilità di inserire tre candidati regionali
  • quote di genere liste: alternanza di genere
  • Espressione voto: 2 preferenze con alternanza di genere – voto disgiunto
  • Sistema elettorale: è l’unica regione a prevedere il ballottaggio tra i due candidati più votati se nessuno al primo turno ha superato il 40%. Per l’attribuzione dei 40 consiglieri regionali, è in vigore il sistema proporzionale con premio di maggioranza che garantisce il 60% dei seggi se il presidente è stato eletto con il 45%, ma se non ha raggiunto tale soglia al primo turno o è stato eletto al secondo la quota di seggi attribuita è del 57,5%. Comunque le opposizioni in Consiglio hanno garantito almeno il 35% dei seggi. Fra questi anche i candidati alla presidenza della Giunta non eletti, a patto che alle liste collegate siano stati attribuiti consiglieri. Incompatibilità tra la carica di assessore e quella di consigliere. Il meccanismo dello sbarramento non è semplice: 10% per la coalizioni, a condizione che contengano almeno un gruppo di liste che abbia raggiunto il 3%. Per i gruppi di liste non uniti in coalizione 5%. Stessa soglia per i gruppi di liste che siano nelle coalizioni che non hanno superato lo sbarramento.

UMBRIA
consiglieri da eleggere: 21

  • Listino: no – lista unica circoscrizionale (non esisostono più le liste riferite alle due province) che diventa pertanto lista regionale
  • quote di genere liste: 40% – 60%
  • Espressione voto:  2 preferenze con alternanza di genere – no voto disgiunto
  • Sistema elettorale : elezione del presidente a turno unico e del consiglio regionale con sistema proporzionale. L’assemblea è composta da 20 membri più il governatore e sette seggi sono comunque riservati alle opposizioni. Tra questi quelli per tutti i candidati presidenti non eletti, a condizione che la coalizione o la lista ad essi collegati abbia ottenuto almeno un rappresentante. In ogni caso entra nel Consiglio il candidato presidente arrivato secondo, al quale spetta un seggio aggiuntivo rispetto a quelli garantiti alle minoranze.

VENETO 

  • consiglieri da eleggere: 50
  • Listino: no
  • quote di genere liste: alternanza di genere
  • Espressione voto:  1 preferenza – voto disgiunto esenzione per partiti rappresentati in consiglio regionale.
    Sistema elettorale : proporzionale con premio di maggioranza variabile. La coalizione collegata al presidente eletto ottiene il 60% dei seggi se ha ottenuto almeno il 50% dei voti validi. La percentuale di consiglieri attribuiti scende al 57,5% e al 55% se, rispettivamente, si è superato o non si è raggiunto il 40% delle preferenze.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...